Banda Bassotti

Comunicato N° 38

Play

E c'è chi compra i suoi diritti a cambiali
Così tutta la vita fino ai funerali Posto sicuro in una fabbrica
di veleno Ma che fortuna! chissà quanti progetti che faremo
Solo 8 ore e un po' di straordinario serale
E vedrai che bei regali ci faremo a
Natale Maternità un grosso guaio per la produzione
Nessun ricatto se sei per caso moglie del padrone
E i caporali a nord e a sud sono tutti uguali
Pane e lavoro li troverai sotto i loro stivali
E vanno via la luna e il sole e ancora un altro giorno
Tutta la vita come uno schiavo come un animale
C'è chi ha la casa bella e riscaldata e c'è chi vive per la strada
C'è chi si compra un vestito al giorno e chi non ha nessuno intorno
E chi va al cesso con il cellulare chi non ha i soldi per il pane
E chi ripete si signore ogni giorno e chi si vuole ribellare
E c'è chi pensa ai dannati della terra
E a questa guerra risponderà con un'altra guerra
E il minatore che nella miniera ha perso il sole
E Vincenzino uscito dal cantiere senza la vita
E chi quel giorno aspettava un treno nella stazione
Forse il suo sangue avrebbe dato per un mondo diverso
E per te chi ha pagato E perché l'ingiustizia è un diritto
É per te che hai detto no, e sei stato incatenato
E perché chi si ribella sarà torturato
E perché chi si ribella sarà ammazzato
E se la morte avesse la memoria ricorderebbe i vivi che in galera ci hanno chiuso la storia
E chi sta fuori ha dimenticato che fuori nulla è
cambiato e dentro niente è cambiato e che sarebbe stato diverso e quel lontano
25 Aprile Compagno non lasciare quel fucile