A Filetta

L'Invitu

Di celu è mare
Maestri dii
Vinite ed'accunsintite l'alta spusalizia
È voi torna, populi tutti in accolta pia,
Vinite ed'appicciate à noi.

Vittima à a prima sarà
Un toru biancu à porghje so capu
chì cummanda u tonu.

lucina, bianca una manza da parè neve
Chì n'ùn cunnobbe a coppia

Dea ch'affreni marzu di farru incrispitu
Tù chì impedisci e so spietate mane
Dea, sosta arricata à I populi à a sfarra
Diviziosa dea,
Di pace dea,
Eccu per tè, più tenneru sacrifiziu

È tù o diu ad'alzà u fiacculu
Di e liggittime nozze
Tù chì sì à sguaglià a notte
Sii pò tù u testimone nostru
Veni caru,
Fà ti vene travalzatu è briacu
Di rosule incurunatu.

È tù chì splendi à tardi troppu
Quandu sò in brama l'amanti
Tù chì torni lu ghjornu
Dop'avè cummandatu à a notte
Da sta mane sò spose è mamme chì ti chjamanu
Adondi la to luce

Bella hè
Più bella cà e figliole d'attene
Di più cà e giuvanotte di a smuragliata cità
Avvezze tantu à corre cum'è masci
Pè e cime
Più bella cà l'olimpiana chi nuta
In l'acque sacre di l'alfeu

Da bella, ch'ella si fia avanti
Tandu si cancillarà di pettu à ghjasone
Diunisu, figliu di l'accendita murtale
Chì và in carru da tigri tiratu
È dinù appollu, u fratellu di l'aspriccia vergine
Quella chì stà in bocca à pizia
È castore, è polluce u so fratellu
L'abile cumbattante.

Maestri in celu,
Eccu a mio preghera.
Ch'ella sia sta donna, una sposa nesca
Nescu dinù frà I sposi
Ch'ellu ci sia st'eroie

Quand'ella move in mezu à e so pare
Lampante frà altri tutti hè u so visu
Ùn impallidiscenu e stelle à u fà di u sole?
Ùn s'arritiranu puru quelle à luna vechja
Quandu spampillente, u so discu s'hè spechju?
Cum'è di tiru a porpura torna a neve imbacarillita,
Cum'ellu si spanna barbirossu in l'ochji ammachjati
Di l'alba chi sprichja.

Spicca ti da roza a caucasica chì t'accampa
Tù chì n'ùn fusti à ricusà e smisurate brame
D'una chì t'arricava u tremulu
Quand'è tù a strignii
Aguanta la a felicità
Vistuta da greca figliola
E ricevi to sposa
Da I so genitori offerti

Imene,
Nobile figliu di baccu
Chì tene u tirsu
Hè ora avà,
L'ora sacra d'accende u fiacculu di deda.
Dalli,
Da e to languide dite
Scatulisca l'alta calisgina

Ribombinu puru I scaccani di e canzone in burla
È sconcia, a folla scioppi

Quella,
A si porti a notte
Senza mancu una parolla
Fece a sposa d'unu scappaticciu andaccianu

Play